Codice etico

Modello Organizzativo ex D. Lgs. 231/2001

Il D.Lgs 8 giugno 2001 n. 231 ha introdotto nell’ordinamento giuridico italiano un sistema di responsabilità amministrativa degli Enti, tra cui le società di capitali, per alcune categorie di reati (cd. reati presupposto) commessi da amministratori, dirigenti o dipendenti nell’interesse o a vantaggio dell’Ente stesso; tale responsabilità si aggiunge a quella della persona fisica che ha realizzato materialmente il fatto.

La responsabilità delle società viene esclusa se sono stati adottati ed efficacemente attuati, prima della commissione di reati, modelli di organizzazione, gestione e controllo idonei a prevenire i reati stessi.

Sebbene l’adozione di un tale modello non sia obbligatoriamente previsto dalla Legge, essa è fortemente raccomandata e ormai diffusa nell’ambito dei soggetti costituiti in forma societaria e, in particolare, fra quelli che operano in connessione con Enti o soggetti pubblici.

In ottemperanza al D. Lgs. 231 dell’8 giugno 2001, Trieste Trasporti spa ha adottato un proprio Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo, nonché di un Codice Etico e di Comportamento.

In ottemperanza a quanto previsto dall’articolo 6 del D.Lgs 231/2001, la Trieste Trasporti spa ha anche nominato un Organismo di Vigilanza avente il compito di vigilare sul funzionamento e l’osservanza del Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo, nonché di proporne l’aggiornamento. Attualmente l’Organismo di Vigilanza è così composto:

COMPONENTE

INCARICO

SCADENZA DEL MANDATO

dott. Stefano Rismondo

Presidente ODV

bilancio 2024

Avv. Marcello Trabucchi

Segretario ODV

bilancio 2024

Avv. Andrea Melon

Componente ODV

bilancio 2024

 

 

Allegati
  • Codice etico Trieste Trasporti
    09 Luglio 2024 - PDF
Ultime news (0) • 04:57