Il progetto Peripheral Access

SmartBus è un’iniziativa sperimentale cofinanziata dal programma Interreg Central Europe nell’ambito del progetto Peripheral Access.

Del progetto fanno parte 9 partner europei: insieme con Trieste Trasporti ci sono la German Association for Housing, Urban and Spatial Development (lead partner), la Sustainable Logistics Unit del consorzio Venice International University (VIU) di Venezia, la tedesca Zweckverband ÖPNV (l’autorità per la gestione del servizio di trasporto pubblico locale del Vogtland), l’Agenzia regionale per lo sviluppo di Lubiana, l’Institute for Transport Sciences di Budapest, la Regione di Lubin (Polonia), la Regional Management Metropolitan Area of Styria (Austria) e Kordis (l’azienda per i trasporti pubblici di Brno, in Repubblica Ceca).

Obiettivo di Peripheral Access è incentivare l’innovazione nei trasporti nelle aree periferiche e di confine d’Europa, dove l’intensità e la frequenza dei normali servizi di trasporto pubblico locale sono mediamente inferiori a quanto accade nelle aree urbane. Un obiettivo che la UE ritiene prioritario, se si considera che oltre il 90% dei territori dell’Unione sono territori a domanda debole, con una densità abitativa inferiore alle 150 persone per chilometro quadrato e collegamenti non sempre adeguati.

I partner di Peripheral, nelle rispettive aree di competenza, stanno sviluppando, proponendo e sperimentando soluzioni e modelli di trasporto per ridurre (o provare a farlo) il gap esistente nell’offerta di mobilità fra il centro e la periferia.

Il confronto costante fra i partner e le esperienze maturate nei diversi Paesi consente, mano a mano, di affinare e ottimizzare le soluzioni proposte e disporre di una piattaforma internazionale dove condividere dati, informazioni e modelli.

Trieste è l’unica area pilota d’Italia.

All’iniziativa, insieme con Trieste Trasporti e con il consorzio VIU, hanno collaborato Marco Mazzarino, professore di Economia e politica dei trasporti e della logistica all’Università IUAV di Venezia e responsabile della Sustainable Logistics Unit di VIU, Lucio Rubini, project manager di VIU, Giovanni Longo, che insegna Progettazione di sistemi di trasporto all’Università degli Studi di Trieste, Maurizio Cociancich, coordinatore del master in Global Supply Chain Management & Logistic all’Università IUAV di Venezia, e Alessandro Nalin, dell’Università IUAV di Venezia.